Cerca
  • Associazione Nerina

RESOCONTO DELLE ATTIVITA’ DI NERINA DA GENNAIO A SETTEMBRE 2020

Occupazione del rifugio

Il rifugio ha ospitato in media settantacinque cani e circa venticinque gatti. A questo numero bisogna

aggiungere una decina di cani in pensione perché i loro “padroni” hanno lasciato l'isola in fretta e furia

durante la chiusura per Covid. Alcuni hanno pagato una parte del soggiorno, ma la maggior parte di loro non

ci sta aiutando finanziariamente ed è quindi un ulteriore costo di mantenimento che Nerina si sta assumendo.

Attività

- Durante la chiusura abbiamo distribuito 1200 kg di cibo per cani e 80 kg di cibo per gatti. In rifugio sono

stati consumati 4650 kg di cibo per i cani e 180 kg per i gatti.

- La nostra veterinaria Laura ha sterilizzato 221 animali, trattato/intervento chirurgico 49 animali che sono

stati portati in clinica veterinaria a seguito di incidenti stradali, 42 per vari interventi e 538 cani/gatti per

la cura “quotidiana”.

- Nella foto qui sotto, il risultato di una notte (l’abbiamo fatto dieci volte finora e si continua

settimanalmente) di caccia ai gatti selvatici nella città di Sal Rei. Vengono sterilizzati e rilasciati.

- Ci è stata segnalata la presenza di gatti sul "Djeu" (la piccola isola al largo di Sal Rei). E’ stata organizzata

una cattura notturna ma purtroppo, siamo riusciti a prenderne solo 2, che abbiamo immediatamente

sterilizzati, reidratati e successivamente liberati. E’ in programma una seconda “caccia” nelle prossime

settimane.

- Durante questi primi 9 mesi siamo riusciti a trovare una famiglia a 21 gatti e 26 cani a Boavista, 1 cagnolina

in GB.

- La prima campagna di sterilizzazione in collaborazione con la dott.ssa Margarethe Keil è stata pianificata

dal 29.04. al 03.05., ma poi stata subito annullata a causa del Covid.

- Da febbraio abbiamo iniziato il processo annuale di preparazione degli animali per l'adozione in Europa.

Il processo comprende: microchip, vaccino antirabbico, campione di sangue prelevato 30 giorni dopo il

vaccino, spedizione al laboratorio sierologico autorizzato in Europa, e se il test è positivo, l'animale potrà

viaggiare a partire da 90 giorni dopo il prelievo.

I primi 20 sieri sono partiti per la Germania con l'ultimo aereo di rimpatrio TUI, e dopo abbiamo dovuto

aspettare che i voli non fossero più occasionali ma regolari per poter continuare con altri preparativi per

l'esportazione. L'ultimo lotto di 18 sieri è andato in Italia sul volo TAP attraverso Praia-Lisbona a inizio

ottobre.

In totale siamo stati in grado di preparare 36 cani e 3 gatti per l'adozione all'estero.

Oltre alle sterilizzazioni e visite quotidiane, le particolarità di operazioni chirurgiche sono state:

- la rimozione di un sasso dallo stomaco di un cane di proprietà,

- la rimozione di tre tumori sempre su un cane di proprietà,

- diversi interventi maxillo-facciali dovuti a litigi o incidenti di cani e gatti,

- due fissazioni interne nei gatti

- la rimozione di un filo di plastica dalla bocca al colon di un gatto.

- Interessanti da menzionare e soprattutto da trattare sono stati anche due casi di chemioterapia. Ci siamo

imbattuti in un altro nemico della salute dei cani: Il sarcoma di Sticker, un tumore che viene trasmesso

sessualmente.

- Non tutti gli animali sono stati così fortunati da sopravvivere alla loro malattia. Abbiamo dovuto eseguire

due eutanasie nei cani e una nei gatti. Per fortuna con la chiusura delle frontiere, essendoci molto meno

traffico, succedono meno incidenti d'auto che coinvolgono gli asini.

Problematiche dovute al confinamento e alla chiusura delle frontiere

- I problemi logistici ci affliggono sin dall'isolamento. È estremamente difficile per noi ottenere medicinali

veterinari dal Portogallo. Una consegna richiede circa un mese e mezzo. D'altra parte, le interruzioni dei

voli ci hanno costretti a trovare dei fornitori qui a Capo Verde. Purtroppo questo spesso significa prezzi

più alti.

- Tra aprile e maggio sarebbero dovuti partire 6 cani e 1 gatto: Germania, Estonia, Lussemburgo, Italia, Paesi

Bassi, Francia e Svizzera e il mese scorso un’altra cagnolina è stato adottata in Svizzera. Aspettiamo con

ansia l’apertura dei voli per far si che raggiungano finalmente la loro nuova famiglia.

- Stiamo ultimando le gabbie centrali (altri 12 posti per animali feriti o in cura). Siamo riusciti a terminare il

pavimento in cemento delle gabbie esterne; l'intero pavimento è stato verniciato con resina epossidica

per riuscire a lavarlo e disinfettarlo correttamente e accuratamente. Ringraziamo Bucan e BV Costruçoes

per l'aiuto, la consegna gratuita e la colata del calcestruzzo.

- Siamo ora in attesa della nostra macchina di analisi biochimica. E’ stata bloccata in aeroporto a Praia.

Dobbiamo aspettare che le autorità facciano il calcolo delle tasse da pagare.

Cogliamo l'occasione per ringraziare tutti coloro che ci hanno aiutato e che ci aiuteranno in futuro.

Grazie per la vostra attenzione.

Nathalie e Spartaco


2 visualizzazioni0 commenti